Per l'impegno profuso negli studi di vocologia, l'etereogeneo percorso musicale e i risultati ottenuti come talent-scout.

“Premio Città di Aulla 2017″ a Loredana D’Anghera 

Conferimento alle personalità del territorio tosco-ligure a Loredana D'Anghera
per aver consentito il successo, grazie alla sua personalità e al suo sapere musicale, della sezione Nuove Proposte del Premio Lunezia, oggi prezioso credito per tanti neoautori. Cantante dal profilo eclettico e docente di canto, Loredana D'Anghera ha dedicato la sua vita allo studio della voce parlata e cantanta, scienza delle corde vocali, una passione che l'ha portata alla laurea in canto lirico e a continui approfondimenti con i più grandi luminari della materia.
Un titolo e un voto, che uniti al piacere di osservare nuovi autori della canzone, le sono valsi la qualifica di Talent-Scout. A lei si deve l'abrogazione del limite di età fra i candidati alle nuove proposte del Premio Lunezia, una scelta seguita e condivisa anche da altri Festival italiani.
Loredana D'Anghera ha quindi permesso la crescita del Premio Lunezia, evento emblema della Città di Carrara, oggi appuntamento della cultura musicale italiana.

I premiati:

Franco Barattini, Imprenditore; Luciano Massari, Scultore; Loredana D’'Anghera, Cantante e talent scout; Massimo Ratti, Medico; Giulio Andreani, Tributarista; Gualtiero Marchesi, Chef; Alberto Russo, Psichiatra e operatore culturale.

Premio Lunezia da Bere 2013 

Cara Loredana D’Anghera, grazie di aver dedicato la tua vita a cantare e darci la gioia di sentirti

Fernanda Pivano 

Quando nel 2011 conobbi personalmente Loredana D'Anghera, non avrei mai immaginato che dalla nostra collaborazione sarebbe scaturito un lavoro musicale dell'importanza di Time Machine, nato da una sua stessa idea, che passa in rassegna tutte (o quasi) le tecniche del canto, dal barocco, alla liederistica, all'opera, fino al song e al canto jazz.
La nostra collaborazione è nata così, e in questo modo si è venuta delineando la gioia di fare musica insieme, e di scoprire insieme come valorizzarla.
Loredana è una persona speciale, di grande sensibilità, entusiasta della musica, che desidera in continuazione rimettersi in gioco, e in questo siamo molto simili. La sua carta vincente è l'estrema duttilità, riferibile sia alla vocalità che alla voglia di misurarsi su più fronti.
Tale caratteristica non è così frequente tra gli artisti come verrebbe da pensare, ma coloro che ne sono dotati possiedono sicuramente una marcia in più.

Massimiliano Damerini 

Ha fatto molto bene Loredana D’Anghera a non dimenticare i suoi studi lirici e quel certo apparato di -restauro vocale- che certe situazioni accademiche suggeriscono. Si, ne è valsa la pena, perchè l’approccio risulta originale, motivato, alle prese con nomi importanti della canzone d’autore qui addirittura esaltati in temi non editi, ma degni di figurare accanto al repertorio più noto.
Colpisce la vocalità educata, ma soprattutto la timbrica, a tratti desueta, totalmente a disposizione dei temi.
La D’Anghera - che in questi anni ha svolto una importante funzione di coach (un mestiere oggi molto illuminato grazie ai cosiddetti talent show ma che in realtà è sempre esistito) mostra un’artisticità che avevamo già apprezzato dal vivo ma che qui, alle prese con brani di sincera scrittura (talora di pregevole ispirazione), si esalta notevolmente su un piano modulare di grande interesse.

RECENSIONE DEL CD FIORI DI LOTO

Dario Salvatori 

E' stato  per me un vero piacere interpretare alcuni duetti del mio repertorio con Loredana che ritengo un'artista dotata di una capacità interpretativa non comune e di un uso misurato della voce, mai urlata.  Dote permessa dalla spiccata sensibilità che le appartiene.

Mario Lavezzi 

Loredana ha una voce sincera e trasparente...e questo è un pregio. Assomiglia alla sua personalità e credo che il vero obbiettivo per chi canta è la credibilità, e la sua voce a prescindere dalle mode ha questa caratteristica.

Bungaro 

Loredana è una donna delicata e allo stesso tempo forte...dalle sfumature pastello che colorano quello che le stà intorno...Con lei ho condiviso musica e canto e di lei ho conosciuto il lato teneramente deciso di un' interprete di razza.

Red Canzian 

Recensione del cd  Double Face

Nel lavoro di Loredana D'Anghera si coglie lo sforzo e la ricerca di un linguaggio in grado di mettere d'accordo e in comunicazione mondi apparentemente lontani e comunque da sempre mantenuti in compartimenti stagni. Da una parte la musica di derivazione classica,dall'altra il territorio jazz.A fare da trait d'union la sua voce e i testi che si plasmano nel dialogo con il pianismo di Massimiliano Damerini e con quello di Andrea Pozza, compagni di trasferta in questo audace viaggio sperimentale.Un risultato che, come indica lo stesso titolo dell'album, ci mette di fronte alla possibilità di uno sdoppiamento virtuoso, anima stessa di ogni cimento artistico,dove l'interpretazione è arricchimento per chi esegue e per chi,come in questo caso,ascolta.Double face è un progetto ambizioso e coraggioso, che lascia intendere il potenziale espressivo della canzone, della composizione, del parto creativo che alimenta ogni vocazione artistica.

Enzo Gentile